Pimpi

SOMETIME, per gli amici PIMPI

Pimpi è stata la cavalla che ha aiutato Erika a trovare la sua strada… Una bella cavalla da completo irlandese color baio con gli occhi neri così grandi da portarti in luoghi inesplorati. Lei ed Erika si sono conosciute ben 18 anni fa ed è stata una lunga storia d’Amore vero

“Quando ho incontrato Sometime ho capito subito che non era un incontro banale, per poterla portare a casa ho raccimolato ogni mio risparmio e da lì è iniziato un viaggio magico… Quello che sono oggi è grazie all’amicizia che ho potuto vivere con lei. Appena arrivata era così diffidente verso l’essere umano che faticavo a prenderla in box, così mi ricordo che ho pensato che avrei aspettato tutto il tempo necessario prima di fare qualsiasi cosa con lei in modo che potesse fidarsi di me. Passavo le ore seduta vicino a lei, così senza fare nulla, aspettavo che lei decidesse se e quando avvicinarsi, facevamo lunghe passeggiate fianco a fianco sull’argine dell’Adige a brucare l’erba a guardare il cielo… Sono stati anni in cui ho rivisto molte mie credenze, e lei con tanta pazienza ha atteso che comprendessi cosa fosse meglio per lei, passando per la vita in box (ma per fortuna sempre con un piccolo giardinetto) all’equitazione classica, i ferri ai piedi… Man mano che passava il tempo comprendevo che era tutto superfluo e spesso purtroppo anche dannoso, man mano che pulivo il suo “ambiente” e le nostre abitudini oggi posso dire che stavo pulendo le mie maschere, guarendo le mie ferite, destrutturando vecchi schemi, per vedere sempre più chiara la strada autentica della nostra Vita.

Ne abbiamo passate tante insieme, il mio focus è sempre stato garantirle il meglio, commettendo errori è vero, ma proprio Pimpi mi ha insegnato che da ogni errore è possibile imparare molto e continuare a crescere.

Gli ultimi 10 anni di vita insieme li abbiamo vissuti in un centro di gestione naturale dove finalmente ho compreso come ha diritto di vivere un cavallo e di cosa ha realmente bisogno, al di là dei nostri capricci umani.

Con ancora le lacrime agli occhi ricordo domenica 7 luglio 2019 quando Pimpi ha lasciato questa dimensione, abbiamo vissuto le ultime 36 ore insieme qui e ancora una volta, l’ultima ahimè, mi ha lasciato un grande insegnamento: “non mollare mai anche quando tutto sembra andare contro, la Vita vale la Gioia di essere Vissuta”

Così oggi, nonostante sia ancora così forte la sua mancanza, continuo in quella che sento la mia missione di diffondere una cultura rispettosa di questi splendidi animali, che hanno da dare così tanto all’Essere umano, con l’augurio che presto ogni cavallo possa avere la libertà di vivere libero in branco e costruire con l’uomo nuove relazioni basate sul rispetto reciproco e fiducia.”